Wednesday, July 28, 2010

Estate romana

Ai tempi dell'assessore Nicolini ballavamo le musiche anni '60 a villa Ada e ogni sera riscoprivamo la città, che era rimasta addormentata per troppi anni.



Qualche decennio dopo la città è invivibile per il traffico che la attanaglia dalle 6 del mattino alle 4 di quello successivo, e i pur tanti appuntamenti non ci attirano per la difficoltà di apprezzarli senza passare ore in fila o a cercare parcheggio.


Per fortuna ci sono le stoffe e le borsette a fare da leitmotiv delle mie più recenti estati.
Mentre i lividi passano al giallino pallido e la cagnolina si è acclimatata dai suoi nuovi amici, mi impazzisco a mettere i manici di bambù alle borsette.

Dovrò fare una capatina all'Isola Tiberina, altrimenti dove le posso sfoggiare?

4 comments:

wonder perlina said...

guarda che quella bianca io saprei benissimo come indossarla percui se non riuscissi a fare una capatina all'isola tiberina sai già a chi rifilarla...poi tra un po' è il mio compleanno....e chissà quest anno dove lo festeggerò!

verderame said...

buona passeggiata e preparati a fare bella figura con queste borse.

tamyca said...

ciao piacere di conoscerti...mi ha colpito la tua pagina perchè ricca di tanti capolavori e soprattutto di cagnolini ihhiih :) brava! a presto tamy :)

donnette fever said...

Ciao ... non so cosa dire solo questa sera ho visto il tuo commento...che vergogna...scusa,scusa ,scusa....
il negozio dei vetri si trova a Roma centro in via del Pellegrino vicino a Campo dei Fiori!!!
ciao Elisa